Il soldato

Testo Franco Fortini (con drammaturgia di Laura Forti)
Regia e Musiche originali Teo Paoli
Con Marion D’Amburgo, Lavinia Rosso, Silvia Baccianti,
Alessandro Mazzoni, Lotar Sanchez

Centrale dell’Arte in collaborazione con Associazione Culturale La Nottola di Minerva

Un testo sulla Guerra Civile di Liberazione. Il personaggio: “un soldato meridionale che, ricattato dal regime col bisogno, ha combattuto tutte le guerre fasciste per inerzia e disperazione”.

Un inedito atto unico in cui le due parti in scena – partigiani e repubblichini, questi ultimi spesso volontari coatti – non sono nominate mai, se non come “noi” e “loro”, parole che Fortini fa provocatoriamente scivolare dalle bocche dell’uno a quelle dell’altro schieramento. Partendo dal contesto storico di riferimento, il 1943, lo spettacolo fa rimbalzare la pièce in un gioco di specchi e analogie di situazioni apparentemente lontane e diverse: le crisi e gli “scontri di civiltà” che contrappongono oggi l’Occidente al Medioriente, all'Africa e all'I.S.

Come già il testo di Fortini suggerisce, per descrivere queste situazioni non è sufficiente contrapporre un “noi” ad un “loro”, in una lotta della civiltà contro la barbarie oscurantista.

Occorre invece il coraggio di immergervisi dentro, sentire le ragioni umane di “loro”, provare a diventare noi “loro”, cogliere le sfumature, le differenziazioni interne. In questa chiave il testo assume un significato nuovo: guardare all'essere umano, all'individuo, alla sua vicenda “minima”, non per giustificare o per creare un “tutti colpevoli, nessun colpevole”, quanto piuttosto per ritrovare quella dimensione umana che lo scontro, la battaglia, la guerra tendono ad omologare e annullare.

Una lotta fra umano e disumano che si ritrova in ogni conflitto, in ogni epoca. Il Soldato. Atto unico, di Franco Fortini è comparso in Sipario: rassegna mensile dello spettacolo, n 553 (gennaio/febbraio 1995), pp. 67-71.


GENERE Spettacolo di prosa con video
DURATA 60 min.
IDONEITÀ scuole secondarie di 1° e 2° grado

CENTRALE dell'ARTE
via della Vigna Nuova 4 - 50123 Firenze
C.F. 94052720482 - P.IVA 04670100488