Il pifferaio magico

Sopra: una città ricca, opulenta, ma che ha rinunciato ai sentimenti e ai sogni;

Sotto: topi affamati e predatori che nulla risparmiano per riempirsi la pancia.

E in mezzo l’arte – la musica del pifferaio – che seduce e commuove, che accende sogni e desideri.

 

Ma liberare l’anima ha un prezzo

e se non lo si vuole pagare…

 

La bellissima fiaba dei fratelli Grimm in un allestimento che ne esalta la magica atmosfera nordica, in cui immagini e musica si fondono a creare un’esperienza di forte suggestione. Il flautista dal vivo, personaggio musicale, conduce i giovani spettatori nel magico viaggio attraverso le creazioni musicali originali, mentre le soluzioni sceniche con l’'ausilio delle immagini elaborate in video, aprono visioni sempre nuove su un mondo di sogno.

Il pifferaio magico è la più celebre delle fiabe tratte dalle Saghe Nordiche dei fratelli Grimm: un musicista, dal magico potere incantatorio viene ingaggiato dagli abitanti per liberarsi dai topolini che invadono le strade del paese. In cambio otterrà la mano della figlia del Borgomastro. Ma quando il pifferaio torna vittorioso, i cittadini gli negano la ricompensa. Il pifferaio allora con lo stesso potere della sua musica, condurrà tutti i bambini dentro la montagna, in un luogo magico e metaforico dove la musica, e quindi l’arte, scacciata dalla società diviene paradiso artificiale. Saranno proprio i bambini, in un finale a sorpresa, a ridare il giusto ruolo all’arte all’interno della società degli adulti.

Questa trasposizione teatrale, che prende spunto anche dalla fiaba rielabora dalla scrittrice russa Marina Cvaetaeva, ci racconta che l’arte è un bisogno profondo di ogni società, e che dove questo non viene riconosciuto la società stessa non funziona più perché viene privata della sua parte vitale, rappresentata in questa fiaba dai bambini. Musica, immagini, atmosfere, tutto concorre in questo spettacolo a creare il pathos di questa fiaba, dove il mondo di sotto, quello dei topolini, che sarà poi dei bambini, dovrà trovare la strada per ricongiungersi al mondo di sopra, quello dei grandi, troppo inaridito per accorgesi che sta perdendo la parte migliore di sé.


GENERE: Spettacolo di prosa con musica dal vivo, canzoni originali e video

DURATA: 58 minuti

ETÀ CONSIGLIATA: dai 3 anni

DISPONIBILITÀ: stagione 2015 - 16

Adesioni on line.

CENTRALE dell'ARTE
via della Vigna Nuova 4 - 50123 Firenze
C.F. 94052720482 - P.IVA 04670100488