L'Arno scorre a Firenze

[SPETTACOLO IN ARCHIVIO]

L'ARNO SCORRE A FIRENZE racconta la progressiva presa di coscienza di una città delle terribili responsabilità del regime fascista, del baratro in cui la guerra ha sprofondato il paese. Racconta il risvegliarsi di una coscienza civile e democratica spenta da vent’anni di dittatura. E lo fa attraverso un doppio piano narrativo che alterna il racconto dei fatti storici a quello della finzione teatrale con la vicenda di quattro donne, ognuna rappresentativa di una diversa realtà sociale, che si trovano coinvolte nella guerra di Liberazione. Attraverso questi piccoli drammi personali emerge un doloroso processo verso la consapevolezza, fatto di scelte drammatiche, di rinunce, di coraggio.

Le attrici si alternano continuamente nel ruolo di narratori e di personaggi, che prendono via via corpo da un gioco di invenzione teatrale: la moglie del gerarca fascista, Signora Fanfani, la Robertina, ragazza di campagna che si troverà sempre più coinvolta nella lotta partigiana, Valeria, operaia dalla coscienza già solidamente e formata e la bottegaia Carla, che si troverà di fronte a una scelta cruciale.

L'ARNO SCORRE A FIRENZE propone una riflessione sull'origine sociale ed emotiva della nostra Repubblica e della nostra Costituzione, sulle diverse anime che si unirono nella lotta e che hanno poi dato vita all’Italia repubblicana: uno spettacolo per non dimenticare, per confrontarsi con questa memoria a sessant'anni da quei tragici giorni.

Il linguaggio dello spettacolo è molto vario ed articolato, con un ritmo sostenuto, punteggiato di canzoni e azioni coreografiche, nella ricerca di una chiave attuale per parlare di eventi che ai giovani cominciano ad apparire sbiaditi dal tempo, ma che invece rappresentano la chiave di volta su cui è costruita la nostra democrazia.

 

CENTRALE dell'ARTE
via della Vigna Nuova 4 - 50123 Firenze
C.F. 94052720482 - P.IVA 04670100488